Carnevale Lula 2015: Ecco il programma di su Battileddu, il 14 febbraio 2015

Carnevale Lula 2015: Secondo appuntamento con le manifestazioni legate al Carnevale 2015 in Sardegna, dopo aver visto il programma di A Maimone a Samugheo infatti, rivolgiamo la nostra attenzione al piccolo centro di Lula, con il suo Carrasecare Luvulesu, che si svolgerà sabato 14 febbraio 2015 (inizio alle ore 14:00, con la vestizione e l’ uscita delle maschere, a seguire la cena comunitaria, per un’edizione targata PagaNos). Su Battiledhu, la maschera di Lula riscoperta nel 2001 è – tra le maschere tradizionali del carnevale barbaricino – una di quelle che maggiormente mantiene inalterata la sua carica ancestrale, anche perché è rimasta la presenza di uno stomaco di bue e quindi del sangue, vero.

Anche a Lula è infatti evidente la riproposizione degli antichi culti Dionisiaci con riti di passaggio che salutavano il passaggio tra le stagioni, invocando la primavera a scapito dell’inverno. Per facilitare questo passaggio ecco il sacrificio di Dioniso, nel carnevale di Lula rappresentato proprio da su Batiledhu, così la maschera e l’intero carrasecare luvulesu viene descritto sul sito del Comune:

Su Battiledhu (Vittima) è la figura principale della esibizione della maschera. Veste di pelli nere e porta un copricapo con corna caprine, bovine o di cervo, tenuto da un fazzoletto nero del costume femminile. Sulla testa, attorno alle corna, porta il rumine capovolto di un capro. Ha il volto in parte tinto di fuliggine, in parte di sangue. Seminascosto da alcuni campanacci che gli pendono sul petto, porta un omaso (quarto stomaco dei ruminanti) riempito di sangue misto ad acqua. Durante il ”rito”, vaga da solo o rincorso dagli altri figuranti che a volte lo legano alla vita con delle funi tenute all’estremità dai Massajos.

Battiledhos (Massajos) vestono da contadini e sono in qualche modo i ”padroni del gioco” e custodi del ”rito”. Si imbrattano il viso di nero con la fuliggine e portano appresso pungoli e Sas Socas (funi ottenute dal cuoio dei bovini), con le quali, in alcuni momenti, tengono la vittima legata, per poi percuoterla ripetutamente, strattonarla, trascinarla per terra, fino a farla rinvenire ed infine portarla alla morte. Due di questi vengono aggiogati come buoi e tirano il carro durante la processione. Battiledhos (Gattias) sono uomini vestiti da vedove e formavano un piccolo corteo. Seguono la vittima ed interagiscono con il pubblico mostrando una bambola di pezza smembrata e rivolgendo battute umoristiche e grottesche, accompagnate da gesti scomposti. Piangono improvvisando degli ”attitos” e sono gli artefici del gioco del pitzilica e non ride.

L’anno scorso vi presentai anche un interessante documentario dedicato a su Battileddu di Lula, con tanto di spiegazione e significato della maschera basati sugli studi della Dolores Turchi. Oggi per non ripetermi vi propongo il trailer di un nuovo documentario realizzato dalla giovane regista olbiese Cinzia Puggioni, prodotto anche grazie al supporto di Paolo Fresu e che si avvale della colonna sonora di Baska e Arrogalla:

Dove mangiare e dove dormire a Lula:

  • Pizzera Sa Rocca, via Lumumba angolo via G. M. Angioy, cell. 329 8538027
  • Pizzeria Griglieria Montalbo, corso A. Gramsci 108, tel. 345 8413373
  • Agriturismo Montalbo, Loc. Valverde tel. 0784 416755, cell. 346 3969983
  • Agriturismo Janna ‘e Ruche – Loc. Ogoli, Janna de Ruche, strada Lula, Sant’Anna km 21,700, tel. 0784 416819, cell. 333 8464983
  • Julia ristoro – presso Miniera Sos Enathos, km 7 SP 73, tel. 388 7935094
  • B&B Sa Corte Nova – via C. Marx, tel. 0784 416393, cell. 339 5758541 / 333 9229940, sito: www.sacortenova.it
  • B&B da Luisa – via C. Battisti cell. 329 2070917 / 334 3432216
  • Punti di ristoro sono inoltre attivi presso le diverse cortes

Ecco dove si trova e come arrivare a Lula:

Segui questo blog su FacebookTwitter e Google+!

LINKS UTILI:

 Su Batiledhu di Lula su Facebook

Foto su Batiledhu, dall’onomimo gruppo su Facebook

TUTTO SULLE PIU’ ANTICHE TRADIZIONI SARDE:

Su Batiledhu di Lula, i Mamuthones di Mamoiada e i riti di rigenerazione della terra sottesi al sacrificio di Dioniso/Maimone!

Fuochi di Sant’Antonio in Sardegna, origine e significato ancestrale

Fuochi di Sant’Antonio 2015 a Seui: Anche un grande fallo in processione per invocare la prosperità!

Alle origini di Halloween in Sardegna, da is Animas a su Mortu Mortu

Dolores Turchi: Viaggio nelle tradizioni, nella cultura e nelle leggende della Sardegna (video)

loading...
Loading...
  • Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.