Instagram Sardegna: Divampano i fuochi di Sant’ Antonio in tutta la Sardegna!

Instagram Sardegna: Buongiorno Sardegna e buon lunedì a tutti, cominciamo come sempre la settimana in maniera soft con le foto più belle della nostra isola comparse su Instagram negli ultimi sette giorni grazie alle segnalazioni giunteci dagli amici di Instagramers Sardegna, che scelgono gli scatti fra tutti quelli taggati #igersardegna, #dafareinsardegna, #sardiniaexperience,#sardegnaintavola a seconda della categoria o rubrica, perciò utilizzateli anche voi! Oggi ad essere protagonisti sono soprattutto i fuochi di Sant’ Antonio che hanno animato lo scorso weekend, con i tanti riti di morte e rinascita legati al rinnovarsi del ciclo naturale. Buona visione e buone foto a tutti!

Cominciamo con un doppio scatto “lagunare”, il tramonto sullo Stagno di Molentargius tra Cagliari e Quartu e uno  sullo stagno di S’Enna Arrubia nell’ oristanese   #sardiniaexperience, foto di @lilli19661 e @robygobby:

parco-molentargius-saline stagno-s-ena-arrubia

Per continuare ecco il Fuoco di Sant’Antonio a Budoni:

fuoco-sant-antonio-budoni

Fuochi di Sant’Antonio anche a Mamoiada, in quest’ultimo caso vediamo un Issohadore, che assieme ai Mamuthones escono per la prima volta proprio il 16 gennaio – #sardiniaexperience, foto di @orizzontecasasardegna e  foto di @priki79:

issohadore-mamoiada

Sa prima essida per Sant’Antioco anche a Ottana, con la prima uscita di Boes e Merdules, le maschere locali, inizia così il carnevale – #dasafareaottana, foto di @margherita7686:

fuoco-sant-antonio-ottana

Adesso due scatti per così dire bucolici, da prima la pineta di Baddimanna a Sassari, che si estende su ben 10 ettari e che fu realizzata solo 70 anni fa in quella che allora era l’estrema periferia di Sassari, nel quartiere di Monte Rosello, mentre oggi, con l’espansione della città, si trova circondata dai quartieri residenziali. Il secondo scatto invece ci porta sul lago Mulargia, invaso artificiale che si estende al confine trai territori di Trexenta, Gerrei e Sarcidano, nella Sardegna sud orientale. Vi si può praticare sia la pesca che il canottaggio – #dafareasassari, foto rispettivamente di @valeriofor e di @alessandrapolo:

pineta-baddimanna-sassari lago-mulargia

Prima di arrivare al Mulargia, si passa vicino a Orroli uno dei paesi del tour dei Nuraghi col suo gigante rosso, ovvero Nuraghe Arrubiu. Si tratta del complesso nuragico col maggior numero di torri ritrovato finora in Sardegna, ben 21 distribuite su 3 mila metri quadri di insediamento. Tutto questo venne edificato ben 700 anni prima della fondazione di Roma! – #dafareaorroli, foto di @alessandrapolo:

nuraghe-arrubiu-orroli

Sul litorale di Quartu Sant’Elena invece, a due passi da Cagliari, presso la spiaggia di Sant’Andrea si trovano proprio sul mare i ruderi di un’antica villa romana. Assai poco valorizzata, testimonia quanto profondamente i romani vissero il territorio del sud Sardegna – #dafareaquartu, foto di @nicomassafotografist:

villa-romana-sant-andrea-quartu

Vanno molto di moda ultimamente a Cagliari i tour del mistero, in effetti tanti luoghi ben si prestano, come ad esempio il carcere o la cripta di Sant’Efisio. Si trova nel quartiere di Stampace, vicino all’altra cripta di Santa Restituta, entrambe furono riutilizzate come rifugio antiaereo durante la seconda guerra mondiale – #dafareacagliari, foto di @nicomassafotografist:

cripta-sant-efiso-cagliari

Torre costiera di Longonsardo a Santa Teresa Gallura, fantastico il panorama sul mare che si gode da questo angolo di Sardegna che è anche l’estremità più a nord della nostra isola – #dafareasantateresadigallura, foto di @antonellafancello:

torre-longonsardo-santa-teresa-gallura

Coi spostiamo adesso a Thiesi, non lontano da Sassari, per ammirare la chiesa di Santa Vittoria, fatta erigere dalla famiglia Manca a memoria della vittoria dei catalano-aragonesi sugli arborensi. La data di costruzione è incerta e si fa risalire al periodo tra il 1400 e il 1590 – #dafareathiesi, foto di @valeriofor:

chiesa-santa-vittoria-thiesi

Sardegna fa rima anche con artigianato e tra le produzioni di eccellenza della nostra isola figurano anche i coltelli, fra i centri più rinomati vi è  Pattada con la sua pattadese – #dafareapattada, foto di @mondosardegna:

coltelli-sardi-pattada

Infine concludiamo il nostro viaggio in cucina, con le deliziose realizzazioni di @Roberto_Murgia – “Io concepisco la nostra pasticceria come un’unione di forme, colori, consistenze che hanno tutti lo stesso livello di importanza …il tutto sta nel sapere far uscire l’anima più eterea anche dal dolce più semplice e povero ma che racconta la storia, la nostra storia!” – , giovane talento sardo rientrato di recente nell’isola con l’idea di aprire un piccolo laboratorio creativo di pasticceria tradizionale sarda, per far ciò sta provando a raccogliere dei fondi col crowfunding, trovate tutte le info utili sul suo profilo:

dolci-sardi-rivisitati

Vi ricordo infine che potete seguire questo blog sui principali social: FacebookTwitterGoogle+ Instagram.

LINKS UTILI:

Wiki Loves Monuments 2014: Ecco le 10 foto più belle della Sardegna arrivate in finale!

Instagram Sardegna: Un’isola tutta da scoprire, anche in Inverno!

Instagram Sardegna: Scorci dell’isola da Natale all’Epifania, dalle spiagge alla neve!

Instagram Sardegna: Ecco cosa fare a dicembre nella nostra isola!

Instagram Sardegna: L’Autunno ci fa scoprire la Sardegna più vera!

Instagram Sardegna: Vedute e paesaggi di fine novembre!

loading...
Loading...
  • Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.