Je suis Charlie!

Charlie non morirà mai, finché Charlie saremo tutti noi, lottiamo per la libertà di stampa sempre e comunque, contro qualsiasi minaccia e bavaglio certo, ma anche contro qualsiasi assegno che voglia comprare la nostra integrità, moralità e dignità.

“Preferisco morire in piedi che vivere in ginocchio”

Stéphane Charbonnier, direttore di Charlie Hebdo (RIP).

Ma chi ha paura del riso?

Eccovi una bella citazione dal celebre romanzo “Il nome della rosa” di Umberto Eco, con una postilla, non so voi, ma io al Medioevo non ci voglio tornare, io nella paura non ci voglio vivere:

Ma qui, qui… qui si ribalta la funzione del riso, lo si eleva ad arte, gli si aprono le porte del mondo dei dotti, se ne fa oggetto di filosofia, e di perfida teologia… Tu hai visto ieri come i semplici possono concepire, e mettere in atto, le più torbide eresie, disconoscendo e le leggi di Dio e le leggi della natura. Ma la Chiesa può sopportare l’eresia dei semplici, i quali si condannano da soli, rovinati dalla loro ignoranza.

[..]  Basta che il gesto non si trasformi in disegno, che questo volgare non trovi un latino che lo traduca. Il riso libera il villano dalla paura del diavolo, perché nella festa degli stolti anche il diavolo appare povero e stolto, dunque controllabile. Ma questolibro potrebbe insegnare che liberarsi della paura del diavolo è sapienza. Quando ride, mentre il vino gli gorgoglia in gola, il villano si sente padrone, perché ha capovolto i rapporti di signoria: ma questo libro potrebbe insegnare ai dotti gli artifici arguti, e da quel momento illustri, con cui legittimare il capovolgimento. Allora si trasformerebbe in operazione dell’intelletto quello che nel gesto irriflesso del villano è ancora e fortunatamente operazione del ventre.

[..]Il riso distoglie, per alcuni istanti, il villano dalla paura. Ma la legge si impone attraverso la paura, il cui nome vero è timor di Dio. E da questo libro potrebbe partire la scintilla luciferina che appiccherebbe al mondo intero un nuovo incendio: e il riso si disegnerebbe come l’arte nuova, ignota persino a Prometeo, per annullare la paura.

Al villano che ride, in quel momento, non importa di morire: ma poi, cessata la sua licenza, la liturgia gli impone di nuovo, secondo il disegno divino, la paura della morte. E da questo libro potrebbe nascere la nuova e distruttiva
aspirazione a distruggere la morte attraverso l’affrancamento dalla paura. E cosa saremmo, noi creature peccatrici, senza la paura, forse il più provvido, e affettuoso dei doni divini?

Viva la libertà di ridere, viva la libertà di espressione, viva la libertà. Punto!

loading...
Loading...
  • Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.