L’Estate dei cafoni in Sardegna: Ceffone al custode della Spiaggia Rosa di Budelli

Estate dei cafoni in Sardegna, ultimo caso a Budelli: Non si era ancora spento l’eco delle polemiche per quanto successo sul Trenino Verde della Sardegna per il trattamento poco elegante e francamente ingiustificabile subito da una turista che subito le parti si capovolgono, con i cafoni di turno che – dopo un’estate di Suv parcheggiati sulle spiagge, campeggi abusivi, cicche nella sabbia, rifiuti lasciati ovunque e ombrelloni segnaposto – prima violano la spiaggia Rosa di Budelli e, una volta ripresi dal custode dell’isola, non trovano di meglio che tornare indietro e mollargli un ceffone.

Lo racconta lo stesso custode, Mauro Morandi, a La Nuova Sardegna, il fattaccio sarebbe accaduto alla sera, a fine giornata, quando i rangers dell’ Ente Parco ormai avevano lasciato l’isola: “Mentre ero dalla parte opposta ho notato una decina di persone, fra cui alcuni ragazzini, stavano contravvenendo al regolamento. Ho gridato loro che era proibito farsi il bagno e passare sulla sabbia, ma loro continuavano – racconta il custode –  sembrava che tutto fosse risolto dopo che ho spiegato loro che avrebbero potuto passare guai maggiori se fossero arrivati la capitaneria o i carabinieri, e mentre se ne stavano andando, una donna intorno ai 35 anni è tornata indietro e improvvisamente mi ha mollato un ceffone, senza nessun motivo“.

Inutile dire che all’arrivo delle forze dell’ordine i balordi mascherati da turisti se n’erano ormai andati.

E’ cambiato qualcosa? Viviamo in un mondo dove ci sono più tensioni e più tentativi di prevaricazione o semplicemente il potersi sfogare sul web fa emergere più facilmente situazioni sempre esistite?

Che ne pensate?

photo credit: trevis_lu via photopin cc

loading...
    1. Carla 3 settembre 2014

    Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.