Museo dei Paleoambienti Sulcitani Martel a Carbonia

Museo dei Paleoambienti Sulcitani a Carbonia: mi trovavo ieri a Carbonia in occasione del compleanno della città e ne ho profittato per visitare l’ultimo anche il “PAS” o “Museo dei Paleoambienti Sulcitani“, un autentico viaggio nel tempo di milioni di anni, tra fossili e scheletri di piccoli animaletti ma anche interi dinosauri, un’avventura tra piante e animali che abitavano la Sardegna millenni fa e ora estinti, scimmie e Mammuth inclusi, ma non solo. Un piccolo museo di cui andare orgogliosi, ripetiamo ora questo straordinario viaggio assieme, con l’aiuto di tante foto!

Cosa è il Museo dei Paleoambienti Sulcitani:

Si tratta del Museo noto come Martel (o meglio “Museo Paleontologico E.A. Martel“), che prima si trovava in centro e che ora può disporre di più ampi spazi nei locali della ex-miniera di Serbariu, a fianco al Museo del Carbone. Nel sito ufficiale del museo si legge:

Il Museo PAS/MARTEL nasce dall’esigenza di trasmettere le conoscenze scientifiche sugli ambienti del passato geologico del territorio sulcitano verso un vasto pubblico. Gli obiettivi principali sono di sensibilizzare i visitatori nei confronti della storia geologica del territorio, tutelare e valorizzare il patrimonio culturale geo-paleontologico e interagire con il mondo della scuola. Il tema centrale riguarda i bioeventi e i geoeventi registrati nelle rocce presenti nella Sardegna del sud ovest, con particolare attenzione ai fossili in esse racchiusi.

Il percorso espositivo:

Il percorso espositivo è organizzato cronologicamente a partire dal Cambriano – stiamo parlando di qualcosa come almeno 540 milioni di anni fa – attraverso tutta una serie di rocce ma soprattutto fossili, in larga parte recuperati durante l’attività esplorativa ed estrattiva del Sulcis Iglesiente, che tra trilobiti e felci, impronte e ossa di Mammuth nani (vissuti in Sardegna nel Pleistocene), cervidi e scimmie ormai scomparsi, passando per gli scheletri completi del prolago sardo, arriva fino ad arrivare ai resti degli uomini primitivi recuperati anch’essi nel sud ovest della Sardegna.

scheletri-prolago-sardo

Scheletri di Prolagus Sardus

ossa-scimmie-sardegna

Le ossa delle piccole scimmie che vivevano una volta in Sardegna, sono piccolissime!

Per i più esperti, tra  fossili vi si possono trovare (cito da Sardegna Cultura):

Archeociatidi, Calcimicrobi, Repicnia, Trilobiti, Ciclocrinites, Cistoidi, Crinoidi, Brachiopodi, Tetracoralli, Cefalopodi, Briozoi, Graptoliti, Equisetali e Felci risalenti al Paleozoico trovati nel Sulcis-Iglesiente, rarissimi Trionix sp., Perciformi, Selacei, Echinodermi, Crostacei, Gasteropodi, Bivalvi e Vegetali del Cenozoico e un’ampia varietà di taxa di notevole interesse scientifico sia per il livello di conservazione sia per la rarità integrati sia per la varietà, poiché sono esposti anche taxa non isolani, come Ambre, Cetacei o Ornitholithes sp.

fossili-sardegna

Personalmente ho apprezzato molto la completezza dei grandi pannelli informativi in alto e la grande attenzione riposta sugli aspetti geologici e la storia della terra del Sulcis. Alcune (poche) teche invece non avevano stranamente descrizione.

vulcanesimo-sardegna

Il vulcanesimo nella Sardegna del sud ovest

Scenografica la riproduzione a grandezza naturale dello scheletro di un Tirannosauro che si trova al centro del percorso espositivo.

tirannosauro-carbonia

Ricostruzione di un Tirannosauro

artiglio-tirannosauro

Dente e artiglio di un Tyrannosaurus Rex ritrovati in due luoghi distinti negli USA

artiglio-velociraptor

Al centro vedete l’artiglio di un Velociraptor ritrovato non in Sardegna, ma in Mongolia

Nel complesso si tratta di un museo che vale i 6 euro di ingresso e che completa l’esperienza di visita alla città di Carbonia. Mi ha colpito che proprio nei giorni del Compleanno di Carbonia, sabato e domenica scorsa, ci siano stati solo 4 visitatori che hanno lasciato la propria firma (me incluso). Per quanto si tratti di un’istituzione museale che lavora prevalentemente con le scuole, beh… son sicuro che in molti ne ignorano persino l’esistenza, per questo gli sto dedicando questo articolo. Visitatelo di più!

dinosauro-sardegna

Scheletro completo di un piccolo dinosauro

Giorni e orari di apertura:

  • Dal 1 aprile al 30 settembre: aperto dal martedì alla domenica orario: al mattino dalle ore 10.00 alle 14.00, al pomeriggio dalle 15.00 alle 19.00
  • Dal 1 ottobre al 31 marzo: aperto dal martedì alla domenica con orario continuato: dalle ore 10.00 alle 18.00
  • Il giorno di chiusura è il lunedì (a meno non cada in un giorno festivo, in tal caso apre).

Prezzo dei biglietti:

  • Costo del biglietto intero: 6 euro
  • Costo del biglietto ridotto: 5 euro
  • Biglietto cumulativo intero: 10 euro
  • Biglietto cumulativo ridotto: 9 euro

Il biglietto cumulativo permette di visitare tutto il meglio dei musei e delle aree archeologiche di Carbonia ed è consigliatissimo, anche per il costo esiguo:

  • Museo Paleontologico PAS – E. A. Martel
  • Parco Archeologico di Monte Sirai
  • Museo Archeologico di Villa Sulcis
  • Necropoli Ipogeica di Cannas di Sotto

Per maggiori info: Tel. 0781 662199

Come arrivare al Museo Paleontologico di Carbonia:

Una volta arrivati alla Grande Miniera di Serbariu varcate in macchina il cancello principale, poi continuate passando per il cancello che si trova tutto sulla destra, troverete prima sulla sinistra uno spiazzo con probabilmente molte macchine parcheggiate, perché lì si trova l’ingresso al Museo del Carbone. Per arrivare al Museo dei Paleoambienti Sulcitani – le indicazioni non abbondano, anche il puntatore su Google Maps è sbagliato, si tratta dell’edificio grigio immediatamente sopra quello indicato – dovete continuare e prendere la prima traversa a sinistra ed entrare nella grande porta sul primo edificio che trovate sulla destra. Noi abbiamo trovato la porta chiusa con un cartello “Aperto – Open“. Non siate timidi, aprite la porta e vi si aprirà un mondo tanto antico quanto affascinante.

Dove si trova la Grande Miniera di Serbariu a Carbonia:

Segui questo blog anche su FacebookTwitterGoogle+.

loading...
Loading...
  • Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.