Cala Coticcio a Caprera (foto, video e come arrivare)

Cala Coticcio a Caprera: Tra i simboli più riconoscibili e amati del Parco Nazionale dell’Arcipelago de La Maddalena – nel nord est della Sardegna – c’è anche la splendida Cala Coticcio a Caprera, una spiaggetta nascosta tra le rocce della parte orientale dell’isola, una sorta di piscina naturale dalle incredibile acque turchesi, un’autentico acquario con tanti pesci e stelle marine che, essendo tutta l’area riserva naturale, non si possono e non si devono cogliere. Paradiso quindi chi ama lo snorkeling questa spiaggia è conosciuta anche con il sopranome di Tahiti, dovuto proprio alla sua straordinaria bellezza. Le spiaggette in realtà sono due e la più famosa è la seconda, quella con lo scoglio al centro dal quale è impossibile non provare l’ebbrezza di un tuffo in Paradiso. Foto e video di questo articolo sono dei mitici Day Trippers!

Cala Coticcio, angolo sardo di Paradiso:

A Cala Coticcio si può arrivare molto facilmente via mare, affittando un gommone o partecipando a uno dei tanti tour che quotidianamente portano i turisti a visitare l’arcipelago de La Maddalena, in alta stagione si può infatti osservare un gran numero di barche e yacht chiudere quasi l’orizzonte di questa piccola baia.

muro-barche-cala-coticcio

Non è l’unica buona ragione per la quale si consiglia di andarci soprattutto in bassa stagione, la spiaggetta infatti per quanto doppia è molto piccola, difficilmente ci stanno più di 30 persone, senza contare che il percorso via terra è un lungo e impegnativo sentiero che si snoda nella roccia, soprattutto la parte finale può mettere in difficoltà più di una persona e per completarlo ci voglio circa 35/40 minuti (se amate fare foto o non siete in gran forma fisica anche un’ora).

cala-coticcio-prima-spiaggia

I bambini possono farcela se aiutati nei due punti più complessi, per il resto il sentiero è fattibile da tutti, non andate in infradito perché rischiate di farvi male, portatevi invece un cappellino per proteggere il capo dal sole. Servono scarpe chiuse e serve tanta acqua, soprattutto se fatte il percorso sotto il sole e poi perché, una volta arrivati, non troverete certo servizi o stabilimenti balnerari. Vi do un altro consiglio, se arrivate tardi per alleggerire il vostro carico evitate di portarvi l’ombrellone dietro, tanto non ci sarà spazio dove metterlo, almeno non in alta stagione.

cala-coticcio-seconda-spiaggia

Video di Cala Coticcio:

Trova te qui invece un altro splendido video di Cala Coticcio, stavolta ripresa dal drone.

Come arrivare a Cala Coticcio:

Ma come si arriva a Cala Coticcio? Bene, ormai tutti abbiamo uno smartphone con la mappa satellitare, la vedete anche qui sotto. Facciamo conto però di non avere alcuno strumento tecnologico con noi, diamo per scontato di aver già preso il traghetto da Palau per l’isola di La Maddalena e partiamo in macchina verso Caprera che è collegata all’isola madre dal comodo ponte della Moneta. Andiamo dritti lasciando alla nostra sinistra prima la deviazione per l’agriturismo Garibaldi e poi, all’incrocio successivo, quella per il Museo Nazionale Garibaldino di Caprera – noto più semplicemente come la casa di Garibaldi e indicato sul cartello turistico come “Museo Garibaldino” – , seguendo invece le indicazione per le batterie Arbuticci (dove è ospitato il Memoriale di Garibaldi). La strada è molto bella si attraversa un bosco di pini marittimi con qualche eucalipto,  alberi che tendono pian piano a diradare lasciando spazio alla macchia Mediterranea.

Arriviamo quindi a una nuova biforcazione, andate a sinistra, all’incrocio successivo andate dritti – girando a destra si va verso la pur bella Cala Brigantina – , dopo un po’ trovate un piccolo parcheggio sulla destra, andate dritti – di li si prende un secondo sentiero per Cala Brigantina – . Ci vuole ancora un po’ di strada prevalentemente in salita, comincerete a vedere il mare sulla sinistra, state andando bene, farete diverse curve e attraverserete una fitta pineta, dopo un po’ lo scenario si apre, si arriva ad una sorta di altopiano con le rocce scolpite dal vento, dopo pochi metri ecco il parcheggio, sulla destra, dal quale parte il sentiero numero 2.

Se trovate il parcheggio pieno brutto segno, la spiaggia è già stracolma. Il sentiero è molto movimentato, si sale e si scende, talvolta il mare lo si intravede solo dietro le rocce, ma è ben indicato da frecce varie, occhio alla biforcazione principale (anch’ essa segnalata), l’ultima parte quella in discesa è la più difficile. Lo sforzo sarà però compensato da tanta bellezza, che ne dite?

Dove si trova Cala Coticcio:

Dove dormire vicino a Cala Coticcio e vacanze a Caprera e la Maddalena:

Sull’isola di Caprera ci sono solo musei, monumenti, boschi, rocce, sentieri e incantevoli spiagge ma nessuna struttura ricettiva, sia essa hotel o B&B, agriturismo o camping. Di conseguenza non è possibile dormire nelle immediate vicinanze di Cala Coticcio, si può però programmare un weekend o una vacanza a La Maddalena, dove troverete un’ampissima disponibilità di strutture ricettive, cercate subito l’offerta che fa per voi, prima che termini!

photo credit: Day Trippers, che trovate su Facebook, Instagram e Youtube.

loading...
Loading...
  • Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.