Ecco dove sono esposte le statue dei Giganti di Mont’e Prama!

Statue dei Giganti di Mont’e Prama esposte nei musei di Cagliari e Cabras: Abbiamo parlato spesso dei Giganti di Mont’e Prama su questo blog, ma abbiamo dato sempre per scontato che tutti sapessero dove le statue fossero esposte, ma se ciò può essere vero per i sardi, così non è sempre per i turisti che vengono dall’estero o dalla penisola, che spesso mi scrivono in privato per sapere dove queste maestose ed antiche statue si trovino esposte e come arrivare ai musei. Ecco allora un articolo che vi spiega in quali musei sono esposte le statue dei Giganti di Mont’e Prama e come raggiungerli. Ma andiamo con ordine.

Cosa sono i Giganti di Mont’e Prama?

I Giganti di Mont’e Prama sono le uniche sculture nuragiche in pietra mai ritrovate, scolpite in blocchi unici di calcare locale, esse sono alte tra i e i 2,5 metri e potevano pesare in origine fino a 400 chili. Facevano parte di un grande complesso funerario sito nella località collinare di Monte Prama, nel pieno del Sinis, in territorio di Cabras, subito a nord di Oristano.

Sono statue di guerrieri – che impugnano uno scudo circolare finemente decorato – , arcieri – dotati di arco e con il secondo braccio protetto da una guaina e da un guanto – e pugilatori – con un guanto armato e uno scudo protettivo sopra la testa – , che nelle fattezze ricordano i bronzetti nuragici. L’aspetto che maggiormente colpisce i visitatori sono gli occhi realizzati a cerchi concentrici a esprimere, probabilmente, potenza e magia (c’è chi ha avanzato l’ipotesi che in realtà portassero una maschera). Le statue erano all’epoca colorate, come attestato da tracce di colore su alcune di esse, in particolare il rosso sul torso di un arciere. Sono stati anche ritrovati dei modellini in pietra dei nuraghi.

arciere-monte-prama

Quanti anni hanno le statue di Monte Prama?

Lo stile delle statue dei Giganti di Mont’e Prama è stato definito da alcuni orientalizzante, anche perché nel Mediterraneo Occidentale non è mai stato ritrovato nulla del genere, anche se molti degli studiosi propendono per un unicum, qualcosa che non è paragonabile per motivi stilistici con nessun altro tipo di statua.

Quanto alla loro datazione si fanno due ipotesi,  il IX secolo a.C. o addirittura il XI secolo a.C., ipotesi che potrebbero farne fra le più antiche statue a tutto tondo del bacino del Mediterraneo, in quanto antecedenti ai kouroi della Grecia antica. Verrebbero insomma solo dopo le sculture egizie, con l’Egitto stesso i rapporti commerciali erano peraltro intensi, come comprovato dalle migliaia di scarabei egizi o egittizzanti rinvenuti nella vicina area archeologica di Tharros.

giganti-monte-prama-museo-cabras

Ci sono ancora statue da portare alla luce?

I lavori di scavo sono ripresi lo scorso anno nell’areale della scoperta, portando subito alla luce nuove statue che verranno restaurate davanti al pubblico che visiterà il museo civico archeologico di Cabras. Alcune prospezioni svolte dall’ università di Cagliari con modernissimi strumenti di rilevazione, come dei georadar utilizzati in serie, hanno fatto registrare un numero tale di anomali da far pensare a un grande santuario da portare alla luce se non ad un’intera città. Si è anche pensato di utilizzare le immagini dei satelliti a infrarossi della NASA.

gigante-da-restaurare-cabras

Il restauro e l’esposizione delle statue di Mont’e Prama:

Altro fatto da registrare è che le statue che furono letteralmente annientate e distrutte se è vero che finora non è mai stata trovata una statua intera. Nei primi scavi degli anni ’70 furono ritrovati 5.178 frammenti più o meno grandi, tra i quali 15 teste, 27 busti, 176 frammenti di braccia, 143 frammenti di gambe, 784 frammenti di scudo. Le parti più importanti furono esposte presso il Museo archeologico nazionale di Cagliari, senza che si comprendesse appieno la vera importanza della scoperta, la gran parte dei frammenti rimase invece sepolta nei sotterranei del museo stesso per trent’anni.

Poi la grande opera di restauro presso il Centro per il Restauro di Li Punti, vicino Sassari, che ha vinto un importante premio a livello europeo (“Patrimonio culturale Ue“), e l’esposizione delle statue restaurate presso i musei archeologici di Cagliari e Oristano, con una differente logica espositiva, cito dal sito dell’archeologico di Cagliari:

Le sculture di Mont’e Prama sono presentate nel Museo Archeologico Nazionale di Cagliari secondo una visione di sviluppo artistico-culturale di respiro insulare e in prospettiva mediterranea, come il frutto più maturo della civiltà nuragica sarda, e nel Civico Museo Archeologico di Cabras secondo un’impostazione aderente al contesto territoriale della penisola del Sinis e allo sviluppo temporale dei processi storici che ne hanno segnato il divenire, dalle più remote manifestazioni prenuragiche agli orizzonti iniziali del Giudicato di Arborea.

Come arrivare al Museo archeologico nazionale di Cagliari:

Giorni di apertura: Aperto tutti i giorni, ma chiude il lunedì

Orari di apertura: dalle ore 9,00 del mattino alle ore 20,00 della sera (la biglietteria chiude però alle ore 19,15)

Prezzo del biglietto:

  • Intero: 5,00 euro Museo + Mostra (Mont’e Prama 1974-2014)
  • Ridotto: 2,50 euro Museo + Mostra (Mont’e Prama 1974-2014)
  • La prima domenica del mese l’ingresso è gratuito per la “Domenica al museo” decisa dal Mibact
  • Per prenotazioni: Tel. 070 60518245

Per maggiori info: Tel. 070 655911 – 070 60518240 – pagina Facebook

Come arrivare al Museo civico archeologico di Cabras:

Giorni e orari di apertura:

  • Nel periodo estivo dal 1 aprile al 31 ottobre:
    • dal lunedì al sabato: ore 09.00-13.00 al mattino e ore 16.00-20.00 al pomeriggio
    • Domenica e festivi: ore 09.00-13.00  al mattino e ore 15.00-20.00  al pomeriggio
  • Nel periodo invernale invece non solo chiude il lunedì, ma alla sera si chiude un’ora prima, alle ore 19,00.

Prezzo d’ingresso:

Qui il discorso si fa complesso, perché sono previste riduzioni qualora si decida di visitare anche gli altri siti del territorio, vi consiglio perciò di visitare il sito ufficiale. Di base il biglietto intero per il solo museo costa 5 euro.

Segui questo blog anche su FacebookTwitter e Google+.

COSA FARE E COSA VEDERE NEL SINIS:

Foto della Sardegna: Musei, Giganti e Spiagge di San Giovanni e is Arutas a Cabras!

Is Arutas: Video e informazioni su una delle spiagge più belle del mondo!

San Giovanni di Sinis: Chiesa più antica della Sardegna a rischio? Scopriamola assieme!

Musei Sardegna: Boom di presenze nel 2014, trainato dai Giganti di Mont’e Prama!

I 10 Musei da non perdere in Sardegna, secondo i viaggiatori TripAdvisor!

photo credit: Tutte le foto di questo articolo sono state scattate dal sottoscritto al Museo archeologico di Cabras.

loading...
Loading...
  • Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.