Piscina Naturale di Cane Malu a Bosa (foto, video e come arrivare)

Piscina Naturale di Cane Malu a Bosa: Quella che vedete nella foto qui sopra è la straordinaria piscina naturale di Cane Malu a Bosa, il web nelle ultime settimane sta impazzendo per lei, da quando Maria Pia Cossu, web designer e social media strategist bosana (da non perdere il suo blog dedicato a Bosa), ha pubblicato lo scatto sul profilo instagram di Igers Oristano, poi ripreso da quello de La Nuova Sardegna

Scavata dalla natura nella trachite bianca di Bosa, si tratta di un luogo speciale, assai caro proprio ai bosani, meta di passeggiate e nuotate, persino di gran bei tuffi nella sua acqua turchese. Piuttosto fatte attenzione al fondo, dove si tocca è scivoloso e sul fondale si trovano ancora dei ricci (una volta erano tanti di più, di qui la preghiera di lasciarli in pace, ad ogni modo entrate in acqua con delle scarpe da mare). Non solo evitate di entrare in acqua quando il mare è mosso, anche se l’acqua nella piscina sembra placida, qualche giorno fa un ragazzo di 16 anni è stato salvato con l’elicottero perché non riusciva a vincere la corrente di risacca che cercava di portarlo al largo.

piscina-naturale-cane-malu

Video di Cane Malu a Bosa:

Il video qui sotto è di Day Trippers, che avendo letto su Instagram di questa piscina naturale vi si sono subito recati per una bagno e un bel filmato.

Cane Malu, l’origine del nome:

Qualcuno di voi lettori conosce l’origine del nome “cane malu”? Per quanto abbia sguinzagliato tutti i miei informatori di fiducia infatti, non sono riuscito a scoprire a cosa sia dovuto il nome di questa località, anche se a vederla così, il lembo di roccia che la separa dal mare sembra quasi la coda di un cane che, nelle giornate di mare mosso, pare quasi prendere vita e agitarsi!

Come arrivare a Cane Malu a Bosa:

Raggiungete la rotonda che porta a Bosa Marina e Alghero, imboccate quindi la strada per Sas Covas e parcheggiate la macchina alla fine della nautica (dove ho centrato la cartina), di lì proseguite a piedi sul sentiero lungo costa, dovete prendere il sentiero basso anche se sembra che non vada da nessuna parte e non quello alto che è invece panoramico – soprattutto non provate a transitarci in auto, anche perché nell’estate 2016 è stato istituito il divieto di transito e stanno fioccando le multe – , quindi dovete costeggiare il costone roccioso sulla destra, si cammina senza difficoltà su degli scogli piatti, troverete altre piscinette e calette, in 15 minuti si arriva. Il percorso è facile e adatto a tutti (scorgete la piscina naturale anche nella mappa, tutta a sinistra).

E voi ci siete già stati? 

No? Allora potrebbe esservi utile anche qualche suggerimento su dove dormire a Bosa e dove pernottare a Bosa Marina.

Segui questo blog su FacebookTwitter e Google+!

loading...
Loading...

    Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.