Nuove Dog beach a Piscinas, Torre dei Corsari e Pistis ad Arbus, in Costa Verde!

Nuove Dog beach a Piscinas, Torre dei Corsari e Pistis ad Arbus, in Costa Verde: Nascono due nuove spiagge per cani in Sardegna, le neo arrivate dog beach si trovano nella Costa Verde e sono state istituite in via sperimentale dal Comune di Arbus nelle località di Piscinas (foglio 501 mapp. 27 e 45, arrivati a Piscinas andate sulla destra) e Torre dei Corsari–Pistis (Foglio 119 mapp. 96), per un totale di circa mille metri quadrati l’una. Le spiagge sono aperte ai cani e ai lori padroni – ma anche ai gatti, la spiaggia è dedicata agli animali d’affezione – dall’alba al tramonto nel periodo dal 1° maggio al 30 settembre anno 2015.

Di seguito vi pubblico il regolamento integrale deciso dal Comune di Arbus, i punti principali sono l’iscrizione all’anagrafe e il libretto sanitario attestante l’avvenuta vaccinazione dei nostri amici a quattro zampe, un guinzaglio lungo massimo un metro e mezzo al quale tenere i cani, gli orari di accesso alla spiaggia (dalle ore 09:00 alle ore 19:00) e la possibilità anche per i nostri amici pelosetti di fare il bagno in acqua (solo dalle ore 12:00 alle ore 15:00 e dalle ore 18:00 alle ore 19:00, massimo 5 cani per volta, ma senza guinzaglio).

Non sono previsti servizi, quindi il padrone e/o conduttore degli animali dovrà badare all’ombreggiatura e all’acqua, oltre alla rimozione delle loro deiezioni.

Regolamento delle dog beach di Piscinas, Torre dei Corsari e Pistis:

  1. Potranno accedere alla spiaggia esclusivamente i cani che siano regolarmente iscritti all’anagrafe canina e, altresì, muniti di documentazione sanitaria attestante l’effettuazione della profilassi vaccinale periodica contro le principali malattie infettive e la certificazione veterinaria attestante lo “stato di buona salute”, rilasciata da non oltre 30 giorni, dal medico curante veterinario. I cani provenienti dall’estero devono soddisfare i requisiti, dimostrabili attraverso idonea documentazione, previsti dal Reg. CE n. 998/2003 del 26 maggio 2003 (relativo alle condizioni di Polizia Sanitaria applicabile ai movimenti di carattere non commerciale di animali da compagnia e che modifica la direttiva 92/65 CEE del Consiglio); 1. I cani devono essere esenti da infestazioni di pulci, zecche o altri parassiti;
  2. L’accesso è consentito dalle ore 09:00 alle ore 19:00;
  3. L’accesso dei cani alla spiaggia è consentito, in rapporto alle dimensioni di ciascuna area individuata, nel numero di un cane ogni 9 metri quadrati;
  4. Ogni cane potrà essere accompagnato da non più di quattro persone;
  5. E’ fatto obbligo ai proprietari/detentori di condurre, al guinzaglio, i propri cani rispettando scrupolosamente i percorsi e i camminamenti indicati per il raggiungimento delle aree indicate. E’ assolutamente vietata la sosta degli animali al di fuori delle aree autorizzate;
  6. I cani devono essere mantenuti al guinzaglio di lunghezza non superiore a metri 1,50; stabilmente fissato nella sabbia, eventualmente con un paletto tipo asta di ombrellone, in modo da impedirne lo sfilamento;
  7. I proprietari /detentori hanno l’obbligo di portare con se una museruola rigida o morbida da applicare ai cani in caso di rischio per l’incolumità di persone o animali, o su richiesta delle Autorità competenti;
  8. I proprietari/detentori devono assicurare che i propri cani abbiano un comportamento adeguato alle esigenze di convivenza con le persone e gli altri animali che usufruiscono della spiaggia libera. Nei limiti del possibile l’accompagnatore dovrà evitare latrati prolungati e comportamenti eccessivamente vivaci del proprio cane. In caso contrario, gli stessi animali unitamente a quelli che per temperamento o carattere si dimostrassero comunque pericolosi o arrecassero disturbo alla quiete della spiaggia, saranno soggetti ad essere allontanati dalla spiaggia. Tale facoltà decisionale è riservata all’insindacabile giudizio del personale di vigilanza;
  9. I proprietari/detentori dei cani sono responsabili del benessere, del controllo e della conduzione degli animali e rispondono, sia civilmente sia penalmente, di eventuali danni o lesioni a persone, animali o cose provocate dallo stesso animale;
  10. E’ vietato l’accesso in spiaggia ai cani oggetto di prescrizioni restrittive per manifesta aggressività, con particolare richiamo ai cani oggetto di prescrizioni restrittive ai sensi dell’Ordinanza 3 marzo 2009 del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali “Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani” (G.U. Serie Generale n.68 del 23 marzo 2009) e successive modificazioni e integrazioni di cui all’Ordinanza 06 agosto 2013 (G.U. Serie Generale, n. 209 del 06 settembre 2013);
  11. E’ interdetto l’accesso all’area ai cani di sesso femminile nel periodo di estro (calore);
  12. I proprietari/detentori dei cani hanno l’obbligo di provvedere autonomamente all’ombreggiatura dei propri animali con idonei dispositivi, alla fornitura di acqua pulita per l’abbeverata e per eventuali docciature;
  13. L’area destinata alla balneazione degli animali è compresa nello specchio acqueo antistante la zona di arenile riservata e delimitata da idonea e ben visibile attrezzatura galleggiante;
  14. L’accesso al mare è consentito a non più di n. 5 cani per volta, i quali dovranno essere condotti dal proprietario/detentore e immediatamente riassicurati al guinzaglio al termine del bagno;
  15. La balneazione degli animali è consentita dalle ore 12:00 alle ore 15:00 e dalle ore 18:00 alle ore 19:00;
  16. E’ fatto obbligo ai proprietari/detentori di rimuovere, muniti di idonea attrezzatura, immediatamente le deiezioni solide prodotte dai propri cani e riporle negli specifici contenitori installati nelle isole ecologiche;

Sanzioni per chi dovesse contravvenire alle regole:

A seconda dei casi e in conformità alle disposizioni della legge 689/81, le sanzioni pecuniarie amministrative sono regolate dall’art. 1164 del Codice di Navigazione, commi 1 e 2, e successive modificazioni e integrazioni, ossia:

  • Chiunque non osservi una disposizione di legge o regolamento, ovvero un provvedimento legalmente dato dall’autorità competente relativamente all’uso del demanio marittimo o aeronautico ovvero delle zone portuali della navigazione interna è punito, se il fatto non costituisce reato, con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da Euro 1.032,00 a Euro 3.098,00;
  • Chi non osserva i divieti fissati con ordinanza dalla pubblica autorità in materia di uso del demanio marittimo per finalità turistico-ricreative dalle quali esuli lo scopo di lucro è punito con il  pagamento di una somma da Euro 100,00 a Euro 1.000,00.

Dove si trovano Piscinas, Torre dei Corsari e Pistis:

Sono stati segnalati i mappali delle aree, ma non le cartine con l’indicazione precise per arrivare alle dog beach, a Piscinas sarà abbastanza facile trovarla, basta andare sulla destra (Piscinas-S’Isca), per il resto mandateci anche voi foto, segnalazioni e indicazioni.

Segui questo blog anche su FacebookTwitter e Google+!

NOTIZIE E AGGIORNAMENTI SULLE DOG BEACH IN SARDEGNA:

Spiagge per Cani in Sardegna: Ecco le 34 dog beach dell’Estate 2015!

Cartina delle spiagge più belle della Costa Smeralda (incluse le dog beach)

Tiliguerta Dog Beach a Muravera tra le migliori 5 spiagge per cani di tutta Italia!

Dog Beach ad Alghero nell’Estate 2015, si trova sulla spiaggia di Maria Pia!

photo credit: La foto è di proprietà della Regione Sardegna

loading...
Loading...
  • Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.