Giro Sardegna 2014: Cicloturisti invadono il Sud Sardegna alla fine di Aprile!

Giro Sardegna 2014: Raccontiamo spesso su questo blog come il periodo migliore dell’anno per visitare la Sardegna sia la Primavera, per tante ragioni. Per il clima mite, persino caldo, ma non certo afoso come in estate; per le spiagge e le località turistiche meno affollate da turisti e non; ma io direi soprattutto per i mille colori e gli intensi quanto delicati profumi delle campagne sarde, che in questo periodo dell’anno sono fiorite a perdita d’occhio, in quella che rimane una delle regioni meno urbanizzate  d’Italia, con i suoi soli 68 abitanti per kmq. E per perdersi in questo colorato mondo naturale cosa c’è di meglio della bicicletta? Mezzo verde per eccellenza, essa permette una fruizione più completa, libera e personalizzata del territorio, tanto che del cicloturismo in Sardegna si stanno accorgendo persino negli USA.

Cicloturismo che diventa occasione per allargare la stagione turistica, come il caso del Giro Sardegna, manifestazione a carattere prevalentemente sportivo che si svolge per un’intera settimana nei territori più belli della Sardegna e che quest’anno vedrà protagonista, dal 19 al 25 aprile, il sud dell’isola. L’evento infatti farà base presso il Chia Laguna Resort, che aprirà per l’occasione inaugurando la stagione, per poi fare tappa nel Sulcis Iglesiente, a Villasimius e nel Sarrabus, fino alla Sardegna nuragica di Barumini e Orroli.

giro-di-sardegna-2014.JPG -3

giro-di-sardegna-2014.JPG -2

Tante poi le modalità di partecipazione al Giro Sardegna – al quale prendono parte  anche  cicloamatori di livello internazionale, con una folta presenza di corridori provenienti persino da Canada e Australia – , partendo ovviamente dalla gara vera e propria, su due percorsi a tappe organizzati sul modello dei grandi giri professionistici, con classifica di giornata e a tappe, lungo il percorso Rosso –  o Grangiro, ben 592km pr quasi 9mila metri di dislivello – e Blu – o  Mediogiro, con i suoi 465km per un dislivello di 7126 metri – . Ma esistono anche il “tour“, per chi desidera pedalare liberamente ed in maniera rilassata nei percorsi di gara degli agonisti; la “1000 km” per chi vuole fare l’esperienza di percorrere 300km a tappa, liberamente, secondo lo stile randonée; e per finire le tante escursioni dedicate a tutti coloro che scelgono di fare i semplici accompagnatori e che preferiscono non salire in bici (programma veramente bello, da Sant’Antioco e Carloforte  a Barumini, dalle grotte di Is Zuddas, a Pula e Nora, alla città di Cagliari).

giro-di-sardegna-2014.JPG -4

Tra i protagonisti di quest’anno mi piace citare i nomi di Daniele Bertozzi, figura storica del ciclismo amatoriale in Italia, che vinse le prime tre edizioni della corsa; Alessia Piccolo, titolare di una famosa casa di abbigliamento tecnico sportivo “Giordana” e organizzatrice di uno dei maggiori circuiti italiani (otto gare importanti nel nord Italia che vedono la partecipazione di oltre 15.000 ciclisti); Dennis Sartori, imprenditore canadese nel settore dell’abbigliamento che viene al Giro Sardegna da almeno una decina di anni; e ancora della grande Dorina Vaccaroni, l’olimpionica di scherma che andò a medaglia nel fioretto a Los Angeles 1984, Seul 1988 e Barcellona 1992, la cui presenza in realtà è ancora incerta, ma che ci dicono stia facendo l’impossibile per partecipare alla gara!

E voi che aspettate? Siete pronti per una vacanza in bici immersi nella Primavera sarda? 🙂

Segui questo blog anche su FacebookTwitter e Google+!

loading...
Loading...
  • Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.