Fallita la Go In Sardinia

Fallita la GoInSardinia: E’ ufficiale, la GoInSardinia, il consorzio di imprenditori galluresi che si era messa in testa di sfidare il cartello degli armatori privati, andando a prendersi  i turisti direttamente nella penisola, è fallita. La sentenza di fallimento è stata depositata dal giudice Alessandro Di Giacomo del tribunale di Tempio Pausania, accogliendo l’istanza presentata dalla società di gestione del Porto di Olbia, la Sinergest, che vantava crediti per circa 2220 mila euro per i diritti e servizi portuali mai pagati.

La Sinergest è stato l’unico creditore a presentare istanza di fallimento, il Consorzio inoltre aveva chiesto al Giudice di tenere d’acconto l’arbitrato in corso a Londra,  che vede contrapposti da un lato la GoInSardinia – che chiede un risarcimento di un milione e mezzo di euro – dall’altro la Anek – la società armatrice greca che, sul finire della stagione estiva 2014, si riprese la nave El Venizelos, lasciando a terra 20 mila persone – .

L’eventuale vittoria in sede di arbitrato avrebbe dato modo, a sentire i vertici della Go In Sardinia, non solo di ripagare tutti i debiti – circa 2 milioni di euro – ma anche di rilanciare la propria attività nel 2016 (erano stato anche annunciato l’avvio dei rimborsi ai passeggeri da gennaio 2015, che però non sono mai partiti). Ricordo inoltre che è in corso una class action da parte di circa mille tra i passeggeri rimasti a terra guidati da Codacons che, lo scorso aprile aveva ottenuto da un altro giudice del tribunale civile gallurese, Elisabetta Carta, un sequestro conservativo di beni per 500 mila euro.

Quello che tutti ci aspettiamo è che almeno venga fatta chiarezza su quanto accaduto la scorsa estate e si definiscano tutte le responsabilità. Di sicuro il fallimento della GoInSardinia è l’ultimo brutto colpo che questa vicenda ha dato all’immagine della nostra isola.

Segui questo blog su FacebookTwitter e Google+!

loading...
Loading...
  • Commenta adesso

    Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.